sabato 1 dicembre 2018

SULLA MORTE DI PIETRO


         Dopo che Gesù fu risuscitato dai morti, si unì con i suoi apostoli nel momento in cui essi stavano consumando la colazione. Al termine, fece una domanda specifica a Pietro e gli disse. Mi ami più di questi? A questa domanda Pietro si meravigliò e fu confuso per la natura personale della domanda e per la comparazione del suo amore verso Gesù, se fosse stato più degli altri. Angosciato di essere stato esposto, a motivo del suo amore, a confronto con gli altri apostoli, rispose in modo sottomesso: Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene. Tuttavia, se la domanda di Gesù, sembrò essere strana, in effetti non lo fu. Infatti, essendo che il tempo della dipartita si avvicinava, Gesù volle confermare se la sua scelta su Pietro, come guida, fosse stata idonea anche per affrontare il sacrificio, che immancabilmente sarebbe scaduto su ciascuno degli apostoli. Quella domanda fu la base su cui si sarebbe fondata la missione di Pietro, come guida per gli apostoli e per la chiesa.  A quella risposta, Gesù gli comunica il compito arduo di pascere i suoi agnelli.  Se da un lato Pietro si sentì qualificato per la richiesta del Maestro, fu di nuovo sorpreso per la ripetizione della stessa. E questa volta sentitosi incalzato, rispose: Signore tu sai che ti voglio bene. Ecco che Pietro entra in panico e non sa se intendere quelle domande come elogio o come rimprovero.  Ma quando Gesù ripeté la stessa domanda, Pietro fu rattristato che gli avesse detto per la terza volta: Mi vuoi bene? Così, egli rispose: Signore, tu sai ogni cosa; tu conosci che ti voglio bene. Pietro adesso intuisce che le domande rivoltogli non erano più di elogio o di rimprovero ma che Gesù sembrava volere confermare qualcosa di più importante dal pretendere la fiducia di Pietro, considerando, nel caso, il riferimento all’arresto di Gesù, quando cantò il gallo per la seconda volta e Petro lo tradì. Ma quale motivo vi era nascosto in quelle domande oltre a quella di escogitare la fiducia di Pietro? Giovanni 21:19 Gesù, Disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. Nel contesto, l’esempio che Gesù espone del giovane e dell’anziano, apre un significato che se apparentemente sembra disgiunto, esso è strettamente legato alla morte di Pietro. Il paragone del giovane Pietro che si cingeva da solo e andava dove voleva e nella sua vecchia, avrebbe steso le sue mani affinché un altro lo avrebbe cinto e lo avrebbe condotto dove non avrebbe voluto, sta a significare proprio che se durante la predicazione del vangelo di Gesù, Pietro sarebbe andato in giro per il mondo senza che qualcuno lo avrebbe cinto, al momento dell’approssimarsi della sua morte, egli sarebbe stato coinvolto dalla fede profonda in Gesù ed essa lo avrebbe cinto e guidato come il giovane conduce il vecchio. Che non fosse stato più lui capace di muoversi ove avrebbe voluto ma che la fede in Gesù, lo avrebbe condotto direttamente e senza titubanza verso il sacrificio per onorare Dio.  Giovanni 21:19 Disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. Già una volta Petro glorificò Dio Matteo 16:16 Simon Pietro rispose: Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente. Ma ora Pietro, divenuto guida della chiesa, ne diviene anche colonna di fede rispecchiando assieme tutto il carattere umano presentato alla grazia di Dio. Egli, ora con i suoi errori ora con la sua fermezza di fede, resta l’apostolo che più degli altri ha dialogato con Gesù esperimento e mostrando tutti i segreti del carattere umano. Così, Gesù lo ha apprezzato e lo ha onorato alla dignità di esserlo anche difronte a Dio. 
Pace e fede nel Signore   

Aforismi di g.d.

Pietro: Pietro nel mostrare il suo carattere umano pur rimane l’apostolo meritevole di onorare Dio. 
Mi ami: la domanda mi ami più degli altri è rivolta anche a noi, per cui, ognuno si deve sentire di amare Gesù più degli altri.
Essere pronti: dobbiamo essere pronti a ricevere la domanda simile a quella di Pietro, e prontamente rispondere a Gesù, si ti amo più degli altri. Certo, che lo Spirito Santo ci aiuterà a confermarlo.

Posta un commento